Nell’ arco di una giornata abbiamo visitato tre piccole cittadine situate nelle immediate vicinanze di Rotterdam facendo uso dei puntualissimi treni olandesi.

Stazione ferroviaria Delft

La prima meta é stata Delft celebre per aver dato i natali al famoso pittore Jan Vermeer (autore del celebre quadro”La ragazza con l’orecchino di perla”) e per le ceramiche bianche e blu.

Il suo bellissimo centro storico é raggiungibile con una piacevole passeggiata  di 10 minuti lungo l’Oude Delf, il vecchio canale sulle cui acque si riflettono i meravigliosi palazzi che la circondano.

Oude Delf

Una volta oltrepassata  Oude Kerk, la chiesa vecchia con il suo campanile pendente si arriva al Grote Markt, la piazza principale sulla quale si affaccia la Nieuwe Kerk, la chiesa nuova.

Grote Markt Delft
Nieuwe Kerk
Municipio Delft

Dopo aver trascorso un paio di ore a Delft ci siamo spostati nel piccolo centro di Schiedam conosciuta perché ospita i mulini piú alti al mondo (in origine erano 20 ma adesso ne sono rimasti 5). Alcuni di essi sono aperti al pubblico mentre altri sono stati destinati ad abitazione privata. Questi mulini erano dediti alla lavorazione dell’orzo maltato che era l’ingrediente principale del gin locale.

Stazione ferroviaria Schiedam
Avvistamento del primo mulino a Schiedam
Porticciolo a Schiedam
Uno dei mulini piu alti al mondo
Una piazzetta di Schiedam

Terza ed ultima tappa é stata la cittadina di Gouda rinomata per la qualitá del suo omonimo formaggio, esportato in tutto il mondo.

Noi abbiamo visitato il Markt, la piazza principale sulla quale si affaccia lo Stadhuis, uno dei municipi gotici piú antichi d’Olanda sulle cui facciate venivano proiettati dei giochi di luce a carattere natalizio.

Stazione ferroviaria di Gouda
Centro storico Gouda
Stardhuis Gouda
Vetrate colorate Sinkt Janskerk

Verso ora di cena siamo rientrati a Rotterdam soddisfatti di aver conosciuto delle realtá turistiche di minore attrazione turistica ma che allo stesso tempo custodiscono una bellezza tale da consigliarne una visita.

 

 

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *